Escrow, spiegato semplicemente.

Cominciamo con una domanda: Cosa preferirebbe fare?

A. Paghi 150€ in più.
B. Perderà 5000€ per sempre.

Indipendentemente dalla sua scelta, dovrebbe leggere questo articolo fino alla fine.

L’introduzione dell’escrow come opzione per effettuare transazioni sui nostri marketplace è stata accolta con grande favore da molti di voi, ma poiché riceviamo anche numerosi messaggi su questo argomento, su come può aiutarla e su quanto costa, abbiamo deciso di spiegarlo un po’ più a fondo con esempi pratici.

Prima di tutto, vediamo qual è la definizione di escrow (come descritto da Investopedia):

L’escrow è un concetto legale che descrive un accordo finanziario in base al quale un bene o un denaro viene trattenuto da una terza parte per conto di altre due parti che stanno completando una transazione.

Concetto legale, accordo finanziario, terza parte. Ancora complicato? La crediamo.

Quindi, concentriamoci prima sulla terza parte:
Abbiamo stretto una partnership con trustshare, società regolamentata dalla FCA e registrata in Inghilterra e Galles, che offre pagamenti transfrontalieri globali in USD, EUR o GBP in 186 Paesi. Il suo denaro sarà custodito in un conto bancario protetto e custodito. Questo sarà presso Barclays nel Regno Unito o Crédit Mutuel Arkéa in Europa.



Per fare un esempio pratico:
Vuole acquistare un cambio sequenziale per 5000€.

I pezzi più piccoli, come cambi, sospensioni e motori, sono i più comuni ad essere utilizzati dai truffatori, in quanto il loro prezzo è troppo basso per valere il suo tempo e denaro per volare lì e ispezionarli di persona. Allo stesso tempo, il loro valore è anche troppo basso perché le associazioni di polizia internazionali possano aprire un caso contro il truffatore.
Solo una nota veloce: richieda sempre una videochiamata con il venditore, che le mostri l’effettiva esistenza dell’oggetto, il che rivelerà già se il venditore è autentico o meno.

Ma supponiamo che tutto sembri perfetto e che il venditore le fornisca i dati del conto bancario per trasferire il pagamento.

Si deposita l’importo e poi…
tutto silenzio. Nessuna risposta dal venditore, niente cambio, niente soldi e nessuno a cui rivolgersi per aiutarla a recuperarlo.

Questo è ciò che accade di solito, si impara la lezione nel modo più difficile. Lei è solo uno dei tanti che probabilmente hanno acquistato lo stesso “cambio”.

Ma cosa succede se utilizza l’escrow?
Per una volta, scoprirà immediatamente se il venditore non è autentico, poiché nessun truffatore accetterà di utilizzare l’escrow, sapendo che non ne ricaverà nulla. Ma supponiamo che accettino. Una volta avviata la transazione, Trustshare eseguirà un robusto controllo KYC e AML sull’identità del venditore, per verificare se è davvero chi dice di essere.

Quindi depositerà l’importo su un conto bancario protetto, gestito da trustshare. Dopo il deposito, il venditore verrà informato e potrà iniziare a preparare il cambio per la spedizione.

Una volta consegnato e in stato come concordato, lei rilascia l’importo al venditore e la transazione è completata. In poche parole, se il pacco non contiene il cambio che ha acquistato o non viene consegnato affatto, il denaro è ancora al sicuro e può ritirarlo sul suo conto bancario.

Semplice, sicuro e senza alcun rischio da correre.

E si starà chiedendo… tutto questo deve essere costoso, vero?
Niente affatto. Le commissioni sono addebitate solo all’acquirente e nella piccola misura di solo il 3% per le transazioni di importo inferiore a 10.000€ e del 2% per quelle di importo superiore.

Quindi, tornando al nostro esempio, per un cambio da 5000€, dovrà aggiungere solo 150€ per garantire la massima tranquillità. Niente, rispetto a quello che rischia di perdere senza.

Torniamo alla domanda: Cosa preferirebbe fare?
A. Pagare 150 euro in più.
B. Perdere 5000€ per sempre.

Scelga sempre l’opzione A. Non stiamo dicendo che tutti i venditori cerchino di ingannarla, ma ci saranno occasioni in cui alcuni di loro lo faranno e perché dovrebbe essere lei a essere punito quando una situazione è così facile da prevenire?

Noi di racemarket, purtroppo, non siamo in grado di verificare tutti i venditori e se sono i legittimi proprietari delle auto e dei ricambi che offrono, ecco perché raccomandiamo vivamente di utilizzare il deposito a garanzia per ogni acquisto su Internet, per evitare tutti i rischi e i potenziali altri problemi.

Come avviare una transazione sicura su racemarket?
Controlli le istruzioni dettagliate e altre informazioni qui.

Se ha bisogno di ulteriori spiegazioni o di aiuto durante l’utilizzo, ci contatti a info@racemarket.net e saremo lieti di aiutarla.

Views:
99
Article Categories:
Uncategorized

Comments are closed.